calcio a cinqueCalcio campano

Sandro Abate Avellino, domani a Pesaro a caccia del riscatto

La squadra irpina affronterà alle 20 i campioni d'Italia dell'Italservice. Scarpitti: "Usciremo da questa situazione che non è drammatica"

La Sandro Abate Avellino cerca il riscatto, dopo tre turni a bocca asciutta. La formazione irpina dovrà affrontare i campioni d’italia  del Pesaro domani alle 20 per cercare di risalire la china di una classifica che non rispecchia i reali valori. La squadra del tecnico Scarpitti è attesa da un calendario ostico, ma bisognerà invertire la rotta al più presto.

SANDRO ABATE AVELLINO, LA CARICA DI SCARPITTI

“Domani contro il Pesaro sarà una gara difficile e importante. Il girone d’andata sta finendo e ogni partita è di un certo valore. Sappiamo che sarà complicata, abbiamo anche due uscite che sono state chiaramente assorbite dal gruppo. Per quanto riguarda i portieri la situazione di Jhons sembra meno grave di quella percepita in un primo momento, mentre Thiago Perez lo porteremo a Pesaro e valuteremo all’ultimo momento se è il caso di rischiarlo o meno. Oltre questo, la squadra è coesa, ora più che mai. Hanno voglia, come la società, di dimostrare di essere vivi e di non aver mollato.

Pesaro è una squadra fortissima, per me, ad oggi, la più forte del campionato. Sono secondi in classifica, con tre punti persi a tavolino e con pochissimi difetti. Speriamo di fare la stessa prestazione del match contro il Napoli. Lì è stata una sconfitta diversa. I ragazzi hanno rialzato la testa due volte, cosa che in altre partite non abbiamo visto. Il nostro team è in ricostruzione, sento che la rosa a mia disposizione stia seguendo tutte le giuste indicazioni e solo così potremo tornare tranquillamente a fare risultato. Io sono estremamente fiducioso, abbiamo la giusta umiltà. La Sandro Abate uscirà da questa situazione, che fortunatamente non è drammatica. Conosco l’ambiente di Avellino e le abitudini di vivere lo sport, chiaramente si sposa bene con la mia mentalità”-

MASSIMO ABATE: “OCCORRERA’ UN’IMPRESA

“Abbiamo inevitabilmente subito un contraccolpo – ha detto il capitano del Sandro Abate Avellino –  causato dall’inaspettata uscita di mister Angelini. Successivamente è arrivato il tecnico Scarpitti e ci sono stati cambiamenti sostanziali. Il Sandro Abate Avellino deve essere in sintonia con la nuova guida tecnica, e per questo ci sono state due uscite abbastanza naturali. Ora c’è la possibilità di ripartire, anche se la settimana non è delle più semplici. C’è il trittico con Pesaro, Manfredonia e poi con la Meta Catania. Ci troviamo in coincidenza con le liste di trasferimento e si dovranno sostituire al meglio le due partenze con dei profili condivisi con il coach, aprendo di fatto un nuovo ciclo. Dobbiamo essere realisti e guardarci dietro. La classifica è corta, il campionato è di altro livello e dobbiamo combattere con tutte le nostre forze per tirarci fuori dalle difficoltà. Siamo a 4 punti dai playoff e a 4 dai playout. L’obiettivo è conservare la categoria, dobbiamo vincere una partita il prima possibile. Mancano 5 partite al termine del girone d’andata, dato che sancirà l’ingresso in Final Eight. Dovremo fare un’impresa, bisognerà vincerle tutte a partire da Pesaro”. Il riscatto sarà la parola chiave.

foto Mario D’Argenio 

POTREBBE INTERESSARTI

Articoli correlati

Back to top button