Calcio campano

Quando Datolo asfaltò la Juventus. Una sola partita per scrivere la storia del club.

Juventus-Napoli, Datolo l'uomo di una serata magica. L'argentino scaricato dopo un anno, ricordato per quell'unica partita

Jesus Datolo arriva a Napoli in pompa magna, presentato dal patron De Laurentiis con una festa allo stadio San Paolo, ma problemi tattici e col club portano subito al divorzio: giusto il tempo di firmare lo storico 3-2 alla Juve.

Arrivi in pompa magna, deludi, vieni scaricato dopo un anno, ma in quell’anno riscrivi la storia del club. A Jesus Datolo a Napoli è andata così, un flop capace di regalare e regalarsi una (sola) serata da sogno.

De Laurentiis nell’inverno 2009 si assicura per circa 6 milioni una delle stelle del Boca (quello di Palacio e Palermo) e lo presenta in grande stile manco fosse Diego: giro di campo al San Paolo mano nella mano nell’intervallo di Napoli-Udinese, con la certezza di aver fatto bingo.

“Potevamo prenderlo a giugno ed invece abbiamo anticipato i tempi. E poi parliamoci chiaro, da uno che si chiama Jesus possiamo aspettarci il massimo”

Invece Datolo, capelli da ‘Dragon Ball’ e che alla Bombonera adoravano (un’Apertura, una Libertadores e due Recopa in bacheca), in Italia fallisce. Ritmi diversi, guai fisici ed equivoci tattici non gli consentono di prendersi il progetto Mazzarri, ma di battere la Juventus a domicilio sì.

Nonostante sia Halloween è tutto vero, nessuno scherzetto: dopo 21 anni il Napoli vince in casa della rivale più ‘odiata’ e lo fa in un modo folle. Da 2-0 a 2-3 in meno di un tempo, con due uomini copertina: Hamsik e… Datolo!

L’argentino è la mossa della disperazione di Mazzarri, fuori un difensore dentro lui e la partita cambia. La cambia Datolo, che comincia ad asfaltare la corsia mancina e spacca la difesa juventina fino a quel momento in totale controllo.

Assist per l’1-2 di Hamsik, zampata in mischia del 2-2 e contropiede da cui nasce il 2-3 (ancora di ‘Marekiaro’): 6 mesi di apprendistato con Reja e un avvio di 2009/2010 incerto con Donadoni, vengono cancellati dalla serata di Torino. Napoli ringrazia Jesus.

“Mi chiamo così perché quando mia madre era incinta vide un film sulla vita di Gesù e rimase impressionata, tant’è che fece un voto. Mi ispiro a Giggs, batto i rigori. Spero di far bene”.

Semplice fuoco di paglia, perchè l’ex Boca non segna più e rimane una riserva: esterno, mezzala, trequartista? Cos’è Datolo? Nemmeno Mazzarri, che aveva preso un Napoli in crisi dalle mani di Donadoni, lo riesce a capire.

Pierpaolo Marino, l’uomo che ci scommette portandolo in azzurro e che cerca di fare lo stesso qualche anno dopo – senza riuscirci – all’Atalanta, prova a inquadrarlo.

“E’ un ‘volante’ di sinistra, in Italia l’equivalente dell’ala, ma può giocare in diversi ruoli del centrocampo”.

Niente da fare, Datolo si rivela un ‘equivoco’ e in Italia non sembra a suo agio. Tanto da guadagnarsi la cessione a soli 3 mesi dallo storico Halloween con la Juve. Campo a parte, a sancire la rottura è un servizio fotografico in patria per una rivista gay – con la divisa ufficiale del club – senza l’ok di De Laurentiis. Uno che dei diritti d’immagine ne ha fatto un caposaldo della sua gestione, non può far altro che metterlo alla porta.

A cui bussa l’Olympiakos, che a metà stagione lo rileva in prestito senza poi però riscattarlo. Datolo in estate rientra in Campania, ma la ‘reunion’ dura pochissimo perchè ormai è fuori dai piani. Scatta un altro prestito, stavolta in Liga, all’Espanyol. Accade nel 2010, parallelamente all’esclusione dai convocati per i Mondiali sudafricani per mano di chi a Napoli è un Dio: Maradona, allora ct dell’Albiceleste.

La Spagna rappresenta il punto di non ritorno nella storia tra l’argentino e gli azzurri, con Datolo che da colpo ad effetto diventa merce di scambio. Entra nell’affair che a gennaio 2011 porta Victor Ruiz – un’altra delusione – dall’Espanyol alla città del Vesuvio, venendo acquistato a titolo definitivo dai catalani. L’ex Xeneize saluta Partenope dopo 25 presenze e la rete a Madama.

Eroe alla Bombonera e flop in Europa, Jesus smarrisce certezze che tenta di riacquistare in Sudamerica: 5 buone stagioni in Brasile fino al ritorno in patria, al Banfield, dove è cresciuto e dove oggi (36 anni) spende a testa alta gli ultimi spiccioli di carriera. E dove da poco lo ha raggiunto Osvaldo. Col fardello di aver perso il treno più importante.

POTREBBE INTERESSARTI

Articoli correlati

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button