NewsTokyo 2020Uncategorized

Olimpiadi, si parte: ventitré atleti campani pronti a stupire il mondo

Ventitré atleti campani pronti a stupire all’Olimpiade di Tokyo, in programma dal 23 luglio all’8 agosto. Speranze, emozioni e tanti sacrifici dopo un’edizione rinviata di un anno a causa della pandemia. Alessandro Sibilio è alla sua prima partecipazione. Napoletano di Posillipo, si allena al “Maradona” e al “Virgiliano”, è tesserato per le Fiamme Gialle. E’ stato super agli europei under 23 di atletica leggera a Tallin, in Estonia. Oro nei 400 ostacoli (48’’42, seconda prestazione italiana di sempre dietro l’iridato Fabrizio Mori) e argento nella staffetta 4X400.. Lo sport è tradizione di famiglia. Alessandro è fratello di Sara, ex giocatrice del Napoli femminile (doppia promozione dalla C alla A) e ora team manager delle napoletane.

Nell’atletica c’è anche  Raphaela Boaheng Lukudo, che gareggerà nella 4×400 e 4×400 mista. Famiglia originaria del Sudan, è nata ad Aversa. Il marciatore di Benevento Teodorico Caporaso cercherà di vendicare la squalifica subita a Rio. Arruolato nell’aeronautica, quest’anno ha svolto parte della preparazione nelle strutture dell’aeroporto di Capodichino.

IL CANOTTAGGIO

Nutrita, come da tradizione, la pattuglia dei canottieri, Saranno in gara il napoletano Matteo Castaldo (Circolo Savoia) Giuseppe Vicino (Circolo della Vela Italia), bronzo nel quattro senza a Rio. Giovanni Abagnale di Gragnano (bronzo nel due senza a Rio), Vincenzo, il figlio del grande Giuseppe Abbagnale, parteciperà come riserva, e il napoletano dei Quartieri Spagnoli Marco di Costanzo (bronzo nel due senza a Rio). Infine, il più giovane, classe 2001, Gennaro di Mauro di Massa di Somma che gareggerà nel singolo.

IL PUGILATO

Grandi speranze sono riposte nella boxe femminile dove ritorna, dopo la prima apparizione nel 2016, Irma Testa. La boxeur di Torre Annunziata, prima donna italiana nella storia della boxe a partecipare ad un’olimpiade, cercherà di riscattare la delusione dei quarti in Brasile. A farle compagnia, Angela Carini, una degli astri nascenti. Napoletana, cresciuta pugilisticamente a Piedimonte Matese, si è formata nelle Fiamme Oro di Marcianise. Oltre alla qualificazione a Tokyo, Angela detta Tiger, ha ottenuto anche un oro ai recenti europei Under 23.

LA SCHERMA

Nella scherma due gli atleti campani: il napoletano Luca Curatoli (sciabola individuale e a squadre) atleta del Posillipo e ora delle Fiamme Oro. Stessa arma per la salernitana Rossella Gregorio, quarta a squadre nel 2016.

NUOTO

Nel nuoto c’è la beneventana Stefania Pirozzi (terza olimpiade) e Mario Sanzullo nel fondo e prima atleta italiano a conquistare il pass per Tokyo. Le pallavoliste Cristina Chirichella di Napoli e Monica De Gennaro, di Sant’Agnello, alla sua terza Olimpiade, proveranno a cancellare la delusione di Rio dove l’Italia si è classificata nona. Ottime chance di medaglia nel judo per Christian Parlati della Nippon di Ponticelli, una delle società più forti del panorama nazionale. Il sorteggio non è favorevole: al secondo match ci sarà il giapponese Nagase, già battuto da Parlati quest’anno

Nel karate c’è Angelo Crescenzo di Sarno, mentre nel tiro a volo (skeet), il capuano Tammaro Cassandro. Completano la pattuglia i pallanuotisti (iridati in carica) Vincenzo Dolce (Salerno) e i napoletani Vincenzo Renzuto Iodice e Alessandro Velotto.

POTREBBE INTERESSARTI

Articoli correlati

Back to top button