Newsvarie sportVela

Lega Navale e l’impegno per il sociale, chiesta al Comune costruzione di una pedana per l’accesso ai disabili

La Lega Navale di Napoli è, da sempre, impegnata in progetti di forte valenza sociale.

Più che un l’obbligo statutario, una vera e propria vocazione: aiutare i più fragili, offrire pari opportunità, sviluppare progetti di inclusione e di diffusione della cultura del mare.

Negli anni, tante le iniziative lanciate in tal senso: da una Vela per sperare, nata con l’obiettivo di avvicinare i ragazzi dei quartieri a rischio al mare a Velatamente, progetto di riabilitazione psicosociale realizzato in collaborazione con il  Dipartimento di Salute Mentale della ASL Napoli 1 Centro per pazienti con grave disagio mentale.

LEGA NAVALE, LA NUOVA PEDANA

In questa ottica, si inquadra anche la richiesta, presentata dalla Lega al Comune di Napoli, per ottenere l’autorizzazione a realizzare una piattaforma. Al fine di abbattere le barriere architettoniche e consentire l’avvicinamento agli sport nautici delle persone aventi mobilità ridotta. O diversamente abili.

Grazie alla costruzione di questa pedana, sarà possibile promuovere la pratica della vela, in maniera ancora più efficace e immediata, tra quanti soffrono di un problema fisico o psichico.

E’ ormai universalmente riconosciuta, infatti, l’importanza di un forte coinvolgimento della persona disabile o socialmente svantaggiata in una stimolante attività di gruppo. Nel caso della vela, si va ben oltre la semplice partecipazione ad una routine quotidiana. Ed il coinvolgimento emozionale. La gratificazione ed il senso di autostima vengono senz’altro amplificati.

Proprio la vela, negli ultimi anni, è sempre più considerata tra gli interventi riabilitativi innovativi in grado di stimolare ed esaltare le doti dei singoli affetti da disabilità fisiche e mentali. Per l’entusiastica risposta di chi ha potuto sperimentarla. Dimostrando di essere un’alternativa valida per promuovere un incremento della qualità della vita dei soggetti coinvolti.

Da questi presupposti è partita la Lega Navale per chiedere al Comune di Napoli l’autorizzazione a realizzare uno “strumento” che potrà, concretamente, aiutare i soggetti disabili a partecipare. Dando una risposta fondamentale alla loro necessità di socializzazione e relazionalità.

LE PAROLE DEL PRESIDENTE VAGLIEGO

“Voglio ringraziare il Comune di Napoli che, concedendoci l’autorizzazione, ci ha messo nelle condizioni di poter aiutare i più fragili – sottolinea l’Avv. Alfredo Vaglieco, Presidente della Lega Navale di Napoli – La sfida è portare la persona disabile o socialmente svantaggiata a vivere la realtà della vela. Così apparentemente “dura” anche per i cosiddetti “normodotati”. Come un’esperienza da condividere insieme ai compagni dell’equipaggio. In un clima di arricchimento personale enorme e non riproducibile. Ora tocca a noi realizzare, nel più breve tempo possibile, la pedana e lanciare nuovi progetti. Che ci permettano di coinvolgere il maggior numero possibile di ragazzi.”

POTREBBE INTERESSARTI

Articoli correlati

Back to top button