CanottaggioNewsUncategorizedvarie sport

Canottaggio, Sabbatino-Di Colandrea (RYCC Savoia) campioni del mondo U23. Bronzo per Camilla Infante

Brilla l’Italia al Mondiale Under 23 che si è svolto lo scorso fine settimana a Racice sul bacino della Labe Arena.. Gli azzurri hanno vinto 11 medaglie, chiudendo al primo posto nel medagliere. Tra i 34 canottieri italiani saliti sul podio, tre indossano i colori sociali del Reale Yacht Club Canottieri Savoia. Aniello Sabbatino e Nunzio Di Colandrea, primi nel Quattro con maschile, e la timoniera Camilla Infante, bronzo nel Quattro con femminile. Gli atleti sono allenati in banchina Santa Lucia da Mariano Esposito, che aggiunge così altre medaglie al suo personale palmares. Gli atleti e l’allenatore hanno ricevuto i complimenti del presidente del Circolo Savoia, Fabrizio Cattaneo della Volta, del vicepresidente sportivo Enrico Milano e del consigliere al Canottaggio, Giulio Palomba.

LE PAROLE DEL PRESIDENTE DELLA VOLTA

“Congratulazioni ai neo campioni del mondo”, dichiara il presidente Cattaneo della Volta. “I ragazzi hanno meritatamente raccolto i risultati di un anno duro e intenso. E adesso tutte le nostre attenzioni saranno rivolte verso i Giochi di Tokyo. Dove il nostro socio benemerito, Matteo Castaldo, punterà a difendere la medaglia olimpica conquistata cinque anni fa a Rio”.

“C’è grande soddisfazione”, sottolinea Palomba. “Tutta la squadra bianco blu ha fatto un ottimo lavoro. Superando questa stagione così complicata e portando il Savoia sul tetto del mondo a livello giovanile. Una punta di dispiacere riguarda il risultato del Due senza. Il nostro equipaggio interamente societario che non è riuscito a conquistare la finale A”.

LE GARE

Racice, straordinaria gara del Quattro con maschile. L’Italia di Sabbatino e Di Colandrea (doppio tesserato Marina Militare-Savoia) con Andrea Carando, Davide Verità e Filippo Wiesenfeld al timone si stacca subito dai blocchi insieme agli Stati Uniti che iniziano a lottare per la prima posizione che al passaggio dei 500 metri è statunitense. Seguita dall’Irlanda che nel frattempo aveva messo la punta avanti alla barca azzurra. L’Italia a metà gara è prima davanti a Irlanda e Stati Uniti. Ma la formazione azzurra aumenta ancora il ritmo e allunga il distacco sugli inseguitori e a 1500 metri è nettamente prima. Una conduzione di gara che porta la barca azzurra a transitare in solitaria sotto le tribune. E a vincere il titolo mondiale e la medaglia d’oro con 6.44 di vantaggio sull’Irlanda e 8.29 sugli Stati Uniti.

Nel Quattro con femminile, gara di testa tra Germania, Romania, Italia e Repubblica Ceca. Le tedesche al passaggio dei 500 metri sono davanti alle rumene e alle italiane con Camilla Infante al timone, Clara Massaria, Laura Meriano, Khadija Alajdi El Idrissi, Veronica Bumbaca. Prima di metà gara l’Italia consolida il terzo posto davanti agli Stati Uniti. A 1.46 dalla prima posizione. Il finale è incandescente ma la barca italiana tiene e vince la medaglia di bronzo dietro alla Germania seconda. Piegata dalla Romania che vince il titolo mondiale.

POTREBBE INTERESSARTI

Articoli correlati

Back to top button